LA PERSONA AL CENTRO

on 03 10, 2010

 “La persona al centro”! E’ un imperativo!

Gli eventi degli ultimi mesi ( finanza, economia, politica, ecc. ) danno la chiara percezione che qualcosa è cambiato, che niente sarà più come prima, per coloro che hanno la consapevolezza della realtà globale, che occorre un nuovo paradigma su cui impostare la propria vita.

Sulla Crisi Finanziaria Globale della società capitalistica, di cui volenti o nolenti facciamo parte, è stato detto tutto o quasi. E’ stato poco o nulla evidenziato, però, un aspetto Transpersonale delle cause di questa crisi: l’Uomo, così come aveva strutturato e organizzato le cose, non cresceva, non evolveva così come “vuolsi così colà ove si puote ciò che si vuole…” ( Dante ), per cui è stato necessario un “piccolo cataclisma” per evidenziare che in “quel modo” le cose non possono andare.

Allora quale sarebbe il modo altro? Vi domanderete.

A mio avviso, è: mettere la persona al centro!

Chi lo deve fare?

Prima di ogni altro: noi stessi!

Siamo noi stessi ad esserci “spersonalizzati”! Siamo noi stessi che abbiamo creato quello che è stato, non rispettando i nostri bisogni primari ( una vita sana a “misura d’uomo”, l’accettazione dei nostri limiti, la soddisfazione di bisogni immateriali e intangibili ) ma, al contrario, immedesimandoci e dando valore a “cose” superflue se non addirittura inutili, che il “Sistema Consumistico”, con la pubblicità, ci ha reso necessari o indispensabili.

Anche le Istituzioni avrebbero dovuto preoccuparsi per evitare questo, ma sono troppo impegnate in “altro”, non hanno tempo!

Cosa, in concreto, possiamo fare?

Se gli “altri” non mettono “la Persona al centro”, possiamo farlo noi! Possiamo, noi, mettere la nostra persona al centro.

Come?

Ascoltando attentamente, molto attentamente, tutte le richieste che ci vengono dal nostro corpo, dal nostro “cuore”( centro energetico dell’Amore ), dalla nostra mente e dal nostro Spirito ( sommatoria materiale delle istanze prima menzionate ).

Ad esempio, io ho cominciato a farlo circa 20 anni fa, nel momento in cui ho incontrto il Reiki sulla mia strada.

Da quel momento mi sono assunto la totale responsabilità della mia vita.

Quello che mi capita non dipende da nessun altro se non da me!

Questo non risolve i problemi di nessun altro ma mi aiuta a risolvere i miei.

Questo non porta la pace nel mondo ma mi aiuta a non alimentare i conflitti e, soprattutto, mi mette in pace con me stesso e con il mio mondo più prossimo.

In ultima analisi nessuno può cambiare il mondo ma, cambiando se stesso, può cambiare il suo mondo!

Questo piccolo cambiamento individuale, credo sia la “prima pietra”su cui edificare, pietra su pietra, tutti insieme,un futuro migliore.

Un cordiale saluto    

Angiolo D’Ambrosio

Leave a Reply